Discutibili strategie di marketing, invidia e flame

Buongiorno, gente scrittevole. Qui è Chillercuin con un altro articolo incazzoso.
Di recente ho assistito a una strategia di marketing che mi ha discretamente irritata. Non ho intenzione di fare alcun nome perché sarebbe un modo per regalare visualizzazioni (e di conseguenza soldi) alla diretta interessata, quindi mi limiterò a raccontarvi quello che ho visto.
Un’importante casa editrice italiana, una delle big, sta collaborando con una youtuber. Beh, se la suddetta persona fosse un’appassionata lettrice che gestisce un canale dedicato alle recensioni, allora al massimo potrei pensare “beata lei”. Il problema è la suddetta youtuber non si occupa di libri, è una sedicente make up artist che si dice tale dopo un corso acquistato su Groupon. Quale sia il collegamento tra libri e make up, francamente mi sfugge. A meno che non si tratti di libri sul make up, per l’appunto, ma non è questo il caso, altrimenti non sarei qui a lamentarmi.
Qualcuno potrebbe venirmi a dire “Sei una bugiarda, lei gestisce anche un canale in cui ha recensito dei libri!” e io risponderei che tra dare un parere e recensire c’è un abisso. Almeno in teoria, una recensione ben fatta dovrebbe analizzare la trama, lo stile, la credibilità dei personaggi e così via. Non ho intenzione di andare a cercare il pelo nell’uovo, non sto parlando di un parere di qualcuno che non ha notato l’editing scadente o i personaggi stereotipati, sto parlando di una persona che “recensisce” ripetendo mille e più volte quanto il libro le sia piaciuto o le abbia fatto schifissimo.
Il primo che mi verrà a dire che sono invidiosa verrà decapitato. Tutte le fan della persona in questione giustificano le critiche con “SIETESOLOINVIDIOSE” e tanti punti esclamativi a seguire. Non è l’invidia a farmi incazzare. Il problema è che c’è gente che si sbatte per recensire in maniera sensata, che legge quintali di libri conosciuti e non, che spera in qualche collaborazione per poi vedersi superare da una persona che pensa che recensire sia un sinonimo di esprimere il proprio livello di gradimento e/o raccontare la trama per filo e per segno, stile sinossi. Insomma, si torna sempre allo stesso discorso: la gente competente – e non parlo necessariamente degli articolisti di Scritty, ci sono tanti blog letterari validissimi – viene superata da chi non c’entra una mazza. Tutto ciò mi rende parecchio avvilita.

Autore KillerQueen

A circa quattordici anni capisce di voler passare la vita a inventare storie. Cinque anni più tardi finisce il primo romanzo e pian piano conosce il mondo dell’editoria, capendo che la strada da fare è ancora lunga. Oltre a studiare Scienze della Comunicazione, collabora con alcune case editrici come editor, correttrice di bozze e traduttrice. Il suo romanzo d'esordio, "KillerQueen", è stato pubblicato da CIESSE edizioni. Si è classificata tra i finalisti regionali durante la prima edizione del premio La Giara della Rai e i suoi racconti sono stati pubblicati da Lettere Animate, Delos Books, Mondoscrittura, EDS, ST-Books, La Mela Avvelenata. Il suo blog è takethetimeandcarryon.wordpress.com

Like This Post? Share It

Comments (7)

  1. Perché per leggere un libro e capirlo in profondità devi imparare a truccarti come la protagonista, altrimenti sei solo una sfigata, eh!u__ù

  2. Io ho capito di chi si parla, diciamo che seguo i due canali della persona non-citata-esplicitamente perché qualcosina di quello che fa mi interessa. Non ho mai visto le sue video”recensioni”, perché avendo capito il tipo non mi sono mai azzardata ad avvicinarmi a suddetti video proprio perché credo che legga e soprattutto recensisca in modo molto superficiale. Ho commentato solo la sua video-recensione sui tipi di lettori ebook senza ricevere risposta, per altro (a meno che abbia risposto e io non me ne sia accorta o.O).
    Per il resto concordo con tutto, mi domando anch’io perché le CE collaborino con gente che ha ben poco a che fare con i libri/la lettura. Mistero. (…e non lo dico perché ho un blog su libri e simili e non collaboro con le CE)

  3. Valeria

    E’ un pò come in tv con la figura dell’”Opinionista”.
    Dice la sua ma poi ,probabilmente non ci ha capito niente neppure lei o lui.
    Killer Queen,dirti “non ti avvilire” non serve a niente .Pensa solo che TU ne sai molto più di lei e sei molto più preparata di questa che si spaccia per recensionista.

  4. Nicholas

    Sei solo invidiosa!!!11!!eleven!!

    Una cosa che ho notato è che Scrittevolmente non ha link verso altri siti validi di recensioni (ad esempio quello di Gamebretta per dirne uno che conosco).
    Internet purtroppo è vasta e se uno non conosce l’argomento rischia di perdersi, mi chiedevo, visto che voi siete più nell’ambiente e visto che sapete distinguere uno che fa recensioni valide da uno che spazza il fondo del tubo, potreste consigliare/consigliarmi altri siti di recensioni d buon livello come il vostro?
    Tia

  5. Polly

    Non ti avvilire, pensa che invece del mio libro quest’estate sotto l’ombrellone il più letto sarà di Cassano e fattici una risata!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *