Moda da viaggio

Mi capita spesso di viaggiare, un po’ per il ragazzo che vive a 600 chilometri da me e un po’ per gli amici sparsi per l’Italia.

Mi sono ritrovata a cambiare sei treni in una giornata, sono però una di quelle persone che non esce di casa senza aver curato tutto, dal trucco agli abbinamenti di colore.

Soprattutto quando vado dal mio ragazzo vorrei evitare di arrivare in condizioni pietose, così vorrei provare a dare qualche semplice suggerimento su come vestirsi in situazioni del genere.
Punto primo: i leggings

I leggings sono una manna dal cielo per chi deve viaggiare. Sono la cosa più comoda della terra e nei colori scuri snelliscono pure, cos’altro si può volere? Io quando viaggio il 90% delle volte indosso i leggings. Se siete in carne come la sottoscritta è meglio scegliere maglie e vestiti che arrivino a metà coscia.

Punto secondo: le scarpe

Io sono perennemente alla ricerca delle scarpe perfette. Ho decine di paia di scarpe da giorno, sono decisamente più di quelle da sera, e tendo a evitare le scarpe da ginnastica. Ho un debole per le zeppe come quelle inserite in foto, le trovo molto più comode delle ballerine, che oltre a rendere tozza dopo qualche ora devastano i piedi. Chi invece se lo può permettere per questioni di altezza e/o magrezza può tranquillamente optare per delle scarpe basse tipo i sandali che ho inserito nel set di Polyvore.

Punto terzo: smalto e make up

Visto che in casi del genere ci si ritrova sempre con lo smalto sbeccato, meglio puntare su un colore neutro. Considerando invece il caldo attuale meglio non esagerare con il make up, altrimenti ci si ritroverebbe con il trucco sbavato dopo un paio d’ore. Io non riesco a rinunciare al mascara, la matita è invece da limitare al massimo. In linea di massima cerco di limitarmi a mascara, fondotinta e matita per le sopracciglia.

Punto quarto: borsa

Le borse da viaggio devono avere due caratteristiche fondamentali: la tracolla e la cerniera. La prima permette di correre dietro a eventuali treni e autobus senza sbatacchiare a destra e a manca; con la cerniera si può invece stare più tranquille senza preoccuparsi di eventuali scippi. Io nel set di Polyvore ho messo una splendida Balenciaga che sfortunatamente non ho! Inoltre – manco a dirlo – dev’essere capiente, ma è scontato.

Punto quinto: gli accessori

Io sono una fan degli accessori in generale. Ho un debole per i cappellini, in viaggio però è meglio farne a meno. Avere le braccia piene di decine di braccialetti può essere scomodo, meglio limitarsi a uno o due, meglio se dello stesso colore dell’hardware della borsa.

Like This Post? Share It

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *