[Film Zone] I figli degli uomini #distopia

Titolo: I figli degli uomini (Children of Men)
Regia: Alfonso Cuarón
Anno: 2006
Paese: Gran Bretagna
Durata: 106 minuti
Genere: avventura, mistery, fantascienza, thriller, distopia
Attori: Clive Owen, Julianne Moore, Michael Caine, Claire-Hope Ashitey, Chiwetel Ejiofor, Charlie Hunnam, Peter Mullan, Pam Ferris

 

Trama: Le vicende si svolgono nel 2027, a Londra, e l’ambientazione è simile a quelle di altre città vittime di guerre e guerriglie: atti vandalici, ribellione e degrado hanno preso piede un po’ ovunque. Gli immigrati si spostano illegalmente da uno stato all’altro, alcuni vengono relegati in campi profughi, altri fuggono e si aggregano alle tante compagini ribelli. L’infertilità ha colpito la specie umana, da 18 anni non nascono più bambini e la popolazione piange la morte per l’assassinio di Baby Diego, l’ultimo nato del pianeta, la persona più giovane del mondo.

Recensione: Nato dall’omonimo romanzo della scrittrice britannica Phyllis Dorothy James (perché se gli alieni attaccano solo in America, i governi peggiori che rasentano il nazismo se li cicciano gli inglesi), “I figli degli uomini” è un eccellente film con un’eccellente regia e un’eccellente cast di attori.

Nel caso che ve lo steste chiedendo: no, sono uscita da un pezzo dal mio periodo di fangirling per Clive Owen e dopo un rewatch a distanza di un paio d’anni ho colto quei particolari che all’inizio non vedevo.

Partiamo dalla trama: come sempre ci sono molti riferimenti e critiche alla società contemporanea e sono così tanti da far bagnare nelle mutande gli scrittori di fantasy nostrani (cit.). Il messaggio sociologico è ben reso: umani, siete troppi. Per cui io natura ho deciso che il sovrappopolamento è un problema. E zac, niente più bambini. Guerre e terrorismo sono stati il passo successivo e così l’intero mondo è nel caos.

In un mondo in cui nessuno può più avere figli, il governo dichiara legale il suicidio e lo consente vendendo il Quietus, un veleno che iniettato permette di passare a miglior vita senza nemmeno accorgersene.

Per Theo, il protagonista, i problemi iniziano quando l’ex moglie Julian (che comanda i Pesci, un’associazione terroristica) lo fa rapire e lì scopre l’esistenza di Kee, una ragazza di colore che *rullo di tamburi* è incinta. Come non ci è dato saperlo, ma è tutto molto commovente fino a che Julian non si becca una pallottola in testa in un agguato degli stessi Pesci che la vogliono scalzare e Theo è costretto a scappare con Kee e Miriam, un’ostetrica hippy.

Riguardo alla regia e al cast, una nota di merito va ovviamente a Clive Owen, che è perfetto per il ruolo di Theodore ed è in grado di trasmettere umanità e dolore nel contesto in cui si trova, ma anche ironia e sarcasmo.

Le prese di scena invece hanno qualcosa che di rado ho visto altrove: una registrazione unica. Infatti per la maggior parte del tempo il film non è formato da singole scene spezzate, ma la scena è letteralmente “seguita” in movimento, da una stanza all’altra, giù per le scale, intorno a un muro o su una macchina. Non si ferma mai ed è azzeccato.

In conclusione: un bel film da vedere e rivedere, con particolare attenzione sui messaggi trasmessi. E non ha un lieto fine.

 

Autore admin

Fondamentalmente una persona noiosa e destinata al flame per qualunque cosa pensi e scriva, Queenseptienna vorrebbe diventare ricca e famosa grattandosi la pancia, ma sin dalla più tenera età ha capito che le cose non andranno esattamente così. Scrive steampunk, distopie, fantascienza e vampiri gay. Nel frattempo studia fumetto alla Scuola Internazionale di Comics di Torino. I suoi capelli rossi fanno paura alla gente. http://patronesontherocks.blogspot.it/ http://paperdoll.alittlemarket.it/

Info su queenseptienna

Fondamentalmente una persona noiosa e destinata al flame per qualunque cosa pensi e scriva, Queenseptienna vorrebbe diventare ricca e famosa grattandosi la pancia, ma sin dalla più tenera età ha capito che le cose non andranno esattamente così. Scrive steampunk, distopie, fantascienza e vampiri gay. Nel frattempo studia fumetto alla Scuola Internazionale di Comics di Torino. I suoi capelli rossi fanno paura alla gente. http://patronesontherocks.blogspot.it/ http://paperdoll.alittlemarket.it/
Questa voce è stata pubblicata in Blog, Film & Show, Maggio 2012: distopia, Rubriche e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a [Film Zone] I figli degli uomini #distopia

  1. Alain Voudì scrive:

    EHI! Sì che ce l’ha, il lieto fine!
    … più o meno.
    Be’, nei limiti concessi dalla storia, in ogni caso.
    Ok, forse non era proprio “lieto”, ma comunque è una fine non apocalittica.

    Va bene, va bene: torno dietro la lavagna… :-(

    p.s. film straordinario, approvo al 101%
    E lo stupefacente Michael Caine, non vogliamo citarlo? *_*

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>